Ricerca Lockdown: emozioni, stress e coping

l 7 gennaio 2021 si è tenuto un webinar di presentazione dei risultati della ricerca "Lockdoown: emozioni stress e coping" condotta da Paola Bastianoni, Pierpaola Pierucci e Mauro Serio del Dipartimento di Studi Umanistici di UNIFE. A breve sarà disponibile il report completo della ricerca. Qui potete trovare i lucidi e i commenti ai lucidi. 

Webinar del 7 gennaio 2021

Mauro Serio

Slides: 2021017-webinar-slide-ricerca

Titolo. L’indagine si è svolta all’interno delle iniziative 2020 del progetto Uno sguardo al cielo diretto dalla prof.ssa Paola Bastianoni e finanziato dalle aziende AMSEF e Pazzi.

2.     Presentazione ricerca. L’indagine condotta da Paola Bastianoni, Pierpaola Pierucci e Mauro Serio del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Ferrara si è svolta attraverso la compilazione online di un questionario tra il 12 e il 24 maggio 2020 e si è concentrata sugli stati d’animo, fattori di stress e comportamenti di coping nella cosiddetta fase tre del lockdown. L’indagine era aperta a tutti i cittadini.

3.     Chi e quando. Hanno risposto 788 persone di cui l’81,5% di genere femminile. Il 73% delle risposte sono pervenute da persone residenti o domiciliate nelle regioni del nord, di queste il 28,7% dalla provincia di Ferrara e il 17,9% dalla provincia di Bologna.

4.     Spaventati o sicuri. Il tema della paura e della sicurezza pervade le nostre società, la paura è sempre stato un tema forte sia per fare notizia, e conseguentemente attrarre lettori e like, sia per influenzare le opinioni e creare consenso per i politici che vogliono mettere a frutto una loro rappresentazione di baluardi contro un qualche pericolo, o almeno cercano di farlo. Tra spaventato e sicuro i maschi hanno risposto al 74% che si sentono sicuri e solo il 13% ha dichiarato di sentirsi spaventato. Per le donne il 54% ha dichiarato di sentirsi sicura e il 18% di sentirsi spaventata.

5.     Tra essere irritati o rilassati gli uomini hanno risposto che si sono sentiti rilassati per il 63% anche se il 22% ha risposto di sentirsi irritato. Per le donne il 50% ha risposto di sentirsi rilassata e un buon 29% di sentirsi irritata. Che questa situazione possa essere influenzata dai ruoli di genere che ancora vedono la donna più coinvolta nelle dinamiche di accudimento e gestione familiare, in una situazione che ancora vede scuole chiuse e molti lavori svolti nell’ambito domiciliare, può essere una ipotesi ragionevole

6.     Cosa pensano del futuro? Dividendo il gruppo per fasce di età possiamo notare che per i maschi abbiamo un numeroso gruppo di persone che pensano che le cose andranno peggio in futuro fino ai 50 anni, 44,7% e 45,3% per poi avere un buon salto nell’ottimismo tra i rispondenti con più di 50 anni che affermano che le cose andranno meglio con una frequenza del 74,4%. Per le femmine succede esattamente il contrario: fino a 50 anni la frequenza di risposte di persone che pensano che andranno meglio si attesta la 69,8% e 64,9%. Ddopo i 50 anni la frequenza di risposte di persone che pensano che in futuro andrà peggio aumenta notevolmente passando da 30,2% a 35,1% fino ad arrivare al 40,1%.

7.     Attività prevalenti. Tra coloro che hanno dichiarato come attività prevalente di essere studenti troviamo che le rispondenti femminili sono state 172 pari al 83% rispetto ai maschi che sono stati 34 pari al 17%, suddivisione che rispecchia quella generale: femmine 81,5% maschi 18,5%.

8.     La paura. Nel discorso comune spesso paura ed ansia vengono confuse, ma sono due emozioni ben distinte e con funzioni diverse. La paura è l’emozione che proviamo di fronte ad un pericolo concreto e chiaramente individuabile. L’organismo si predispone ad una reazione immediata: fuga, attacco o immobilità.

9.     L’ansia è l’emozione che proviamo  di fronte a pericoli potenziali, non attuali, non percepiti nel qui ed ora ma che possono esserci come non esserci. Provando ansia predisponiamo l’organismo ad uno stato di allerta, vigilanza, esplorazione.

10.Studenti-emozioni. Interessante notare che sono gli studenti che hanno la percezione di insicurezza/paura maggiore di tutte le altre categorie 12,5%, come la percezione di irritazione 18,4% la percezione di ansia 12,1% e apatia 16,4%. Tra gli studenti che hanno risposto al questionario vi sono quindi più di uno studente ogni dieci che segnala di stare subendo a livello emotivo dei contraccolpi e disagi provocati da questa situazione. Molti più di quanto non siano segnalati dalle altre categorie indicate. Questi dati sono coerenti con la percezione diretta dei counselor e psicologi che si occupano del progetto di counseling e consultazione psicologica chiamato Da soli mai attivato dall’Università di Ferrara come supporto alle ragazze e ragazzi che si sentono in difficoltà. Diversi studenti che si sono rivolti al servizio mettono in relazione il loro disagio a questa situazione, in particolare segnalano aumento dell’ansia, percezione di isolamento e solitudine, perdita di motivazione fino ad arrivare in alcuni casi ad una perdita del senso di quello che fanno. Prendendo il dato del 2016 di 15.827 studenti e ipotizzando un dato statistico di uno studente ogni dieci in difficoltà, avremmo 1.580 studenti che potenzialmente potrebbero aver bisogno di una qualche forma di sostegno.

11. Immagini ed emozioni. Partiamo da fatto che oggi, nell’epoca digitale, siamo quotidianamente bombardati da immagini di tutti i tipi. Anche nella comunicazione sui social si usano molti filmati, immagini, emoticon che sostituiscono o abbelliscono le comunicazioni. Le immagini hanno un impatto sugli aspetti emotivi molto maggiore rispetto alle parole. Per rimanere in tema di lockdown abbiamo sicuramente l’immagine dell’infermiere stremato che riesce a descrivere molto meglio delle parole la situazione degli ospedali e degli operatori sanitari nei giorni della massima diffusione della pandemia. Per questo motivo abbiamo proposto cinque immagini chiedendo di indicare che tipo di emozioni quelle immagini evocavano – rabbia, tristezza, simpatia, gioia - e con quale intensità - per niente, poco, abbastanza, molto, tantissimo – a questi abbiamo assegnato nell’elaborazione valori numerici da 0 – per niente – a 4 – tantissimo. La percentuale è ottenuta in relazione al punteggio massimo ottenibile da quel dato: punteggio/punteggio massimo (numero dei rispondenti x 4) %

12.Piattaforma Metropolitana.  Gli studenti che hanno risposto al questionario si sono espressi segnalando una significativa componente di rabbia 26,1% e di tristezza 41,4% esprimendo quindi sentimenti di disagio rispetto alla situazione.

13.Spiaggia. L’immagini può far riaffiorare i momenti belli trascorsi con le amiche e gli amici, i primi amori magari o semplicemente la voglia di evadere dalla città, dallo studio e dalla monotonia quotidiana. Oppure notare soprattutto quelle mascherine come la continuazione di un disagio e del timore del contagio, leggere la loro invadenza anche in posti che erano da sempre collegati alla tranquillità e al divertimento, come se in qualche modo inquinassero anche i ricordi, i pensieri e forse addirittura i sogni. Anche in questo caso gli studenti evidenziano una componente importante di rabbia 28,9% e di tristezza 44,6%.

14.Al lavoro.  Anche in questo caso si può cogliere la dicotomia della rappresentazione tra il ritorno alla normalità, la ripresa delle attività svolte assieme, in presenza e non solo a distanza, il recupero delle attività importanti anche per il nostro benessere come il lavoro e lo studio. Dall’altra è possibile che possano emergere pensieri legati al fastidio di usare la mascherina per lunghi periodi, ai rischi che si corrono in ambienti chiusi vicino ad altre persone, la preoccupazione di una situazione che dura da troppo tempo e sembra non dover finire più. Rabbia e tristezza sono ancora i sentimenti prevalenti dagli studenti, rispettivamente il 22,0% e il 40,6%.

15.Covid sconfitto.  La quarta immagine rappresenta un gruppo di operatori sanitari con camici, tute e mascherine, attorno ad una persona anziana. Gli operatori e l’anziano mostrano dei fogli da stampante bianchi con la scritta a pennarello «Covid sconfitto a 93 anni». Forte è il richiamo a famoso slogan utilizzato nel periodo del lockdown «Andrà tutto bene» e sembrano voler proporre un messaggio di fiducia e di speranza. Dall’altra non può essere evitato che l’immagine riporti alla mente il ricordo dei giorni più difficili della pandemia, alle immagini di operatori sanitari stremati e ospedali incapaci di ricevere nuovi contagiati. Questa volta prevalgono nettamente sentimenti di gioia 56,3% e di simpatia 71,3%.

16.Amici al bar. L’ultima immagine rappresenta un gruppo di ragazzi e ragazze, tutti con il volto coperto dalla mascherina, seduti al tavolo di un bar che alzano i bicchieri dell’aperitivo verso il fotografo in un gesto di festa. La dicotomia dell’immagine riguarda la possibilità di partecipare emotivamente ad un momento di svago e serenità di quei ragazzi che forse brindano alla ritrovata libertà di potersi incontrare, sedersi ad un tavolo del bar e raccontarsi di persone le proprie esperienze e sentimenti. Dall’altra la possibilità che l’immagine faccia scattare i timori per un atteggiamento poco responsabile verso i rischi di possibili contagi, che già al momento in cui sono stae raccolte le risposte veniva più volte evidenziato sia dalla stampa che dai dibattiti televisivi. In questo caso pur prevalendo le risposte su gioia 31,0% e simpatia 33,1% abbiamo una distribuzione più piatta tra i quattro sentimenti.

17.Stress. Hans Selye nel 1936 ha scoperto una reazione generale dell’organismo a sollecitazioni esterne (GAS : Sindrome Generale di Adattamento). Le reazioni rappresentano un processo di adattamento dell'organismo (stress) ad un evento perturbante (stressor). L'organismo reagisce ad un evento stressante in modo generalizzato (aspecifico). Questa risposta rappresenta una difesa o un adattamento finalizzato alla sopravvivenza. Lo stress in questa accezione è quindi un meccanismo non solo positivo ma necessario. (eustress).

18.Distress. Quando l’evento è o crediamo sia al di fuori delle nostre capacità di adattamento, o interpretiamo come pericolosi eventi che non lo sono o non accadono, e questi fenomeni durano nel tempo, si verifica uno stress non più adattivo che può causare anche danni all’organismo (Distress)

19.Stressor.  Abbiamo chiesto quali fossero le situazioni che in questa fase stanno creando disagio, difficoltà o comunque in qualche modo stanno provocando stress? Come era prevedibile, viste ancora tutte le incertezze che riguardano come si svolgeranno in futuro esami e lezioni, è l’università quella che produce maggiori difficoltà e causa stress con una frequenza di risposta del 22,3%, che è il valore più alto tra tutte le categorie. Da notare l’insicurezza economica che con una frequenza di risposte del 13,3%.

20.Fattori che influenzano la valutazione. Giudicare la richiesta proveniente dall’ambiente come una minaccia, una sfida o un danno dipende 1) da fattori legati alla persona (come il suo sistema di valori e le credenze); 2) da fattori legati a quella specifica situazione (controllabilità, imminenza, pericolosità); 3) dalla valutazione che la persona fa dei suoi comportamenti di coping (Bandura: auto efficacia).

21. Coping Inventory for Stressful Situation. Per comprendere in quali modi i rispondenti hanno fatto fronte alle difficoltà incontrate e allo stress da queste provocato abbiamo pensato di utilizzare ventiquattro item dei trentasei previsti nel Coping Inventory for Stressful Situation (CISS) nella versione italiana14 , chiedendo quanto spesso adottavano i comportamenti descritti – mai, quasi mai, qualche volta, spesso, sempre. Abbiamo valorizzato le risposte da mai = 0 a sempre = 4. In tabella e grafico i risultati in percentuale sul totale massimo potenziale (Tmax=numero rispondenti per valore massimo).

22.Affrontare stress: coping. Coping di emozione: 1)  Incolpo me stesso perché rimando le cose 2) Mi sento ansioso per non essere in grado di reggere la situazione 3) Divento molto irascibile 4) Incolpo me stesso per non sapere cosa fare 5) Mi sento "bloccato" senza sapere cosa fare       6) Mi preoccupo circa quello che farò 7) Vado in collera 8) Me la prendo con gli altri

23.Studenti e altri - Coping. Nella tabella sopra è possibile notare che il coping Emozione(A) ha il valore maggiore di più del 14% per gli studenti rispetto alle altre categorie prese in esame. Possiamo anche notare che gli studenti hanno un valore di Evitamento (E) leggermente superiore alle altre categorie almeno dello 0,8%. In letteratura è abbastanza condiviso che le tipologie di coping Evitamento(E) e Emozione(A) sembrano essere meno efficaci dei comportamenti di Manovra(T), Se questo fosse vero sarebbe una ulteriore indicazione di una certa maggiore fragilità degli studenti.

24.Se prendiamo in considerazione l’aspetto dei sentimenti e delle emozioni dichiarati dai rispondenti ci accorgiamo quanto la disposizione individuale sia influente su come le persone attivano le proprie modalità di coping creando un vero e proprio spartiacque tra un tipo di emozioni che vengono vissute come fastidiose:, sentirsi spaventato, irritato, ansioso, apatico e un altro tipo vissute come tranquillizzanti: sentirsi sicuro, rilassato, speranzoso, attivo. Tra questi gruppi di rispondenti si sono trovate sostanziali differenze nelle modalità di coping che fanno ipotizzare che le disposizioni individuali abbiamo un grande importanza su tali modalità e quindi sulla resilienza delle persone di fronte ad eventi problematici e stressanti.

25.Differenze significative dovute a come le persone hanno dichiarato di sentirsi si sono verificate anche nella visione del futuro, con frequenze di visioni pessimiste e ottimiste fortemente differenziate. Rimane aperta la discussione su cosa possa influire su tale modalità personale di reazione: la struttura di personalità, l’ereditarietà, il carattere, i valori, l’esperienza. Forse tutti questi fattori hanno importanza per non ritornare all’eterno dibattito su ciò che è innato e ciò che è appreso. Ad oggi appare difficile pesare i diversi fattori ma certamente possiamo affermare che i dati della ricerca indicano che le persone, di fronte alla medesima situazione, reagiscono diversamente in base alla loro condizione sociale, ma soprattutto reagiscono diversamente in base alle loro disposizioni personali.

26.Ansia e attacchi di panico. L’analisi delle tipologie di coping può anche fornirci un ulteriore punto di vista per aiutarci a capire attraverso quali processi alcune persone rimangono vittime  dalla cosiddetta ansia patologica e attacchi di panico mentre altre ne sono completamente immuni.